École et Théâtre populaire en patois - 2010-2011

(Alcuni ricordi e foto della partecipazione al Corso di Teatro 2010-2011
[il 4į della serie dal 2006] dell’École Populaire de Patois di Aosta)


Dopo l’esperienza della partecipazione ai Corsi di Patois dal 2006 ad oggi (vedi le relative <molteplici notizie> in questa sezione), ho continuato, con piacere, l’esperienza dello studio della lingua "francoprovenzale" (il nostro "patois") e della conoscenza delle tradizioni della nostra regione.
Buona parte degli allievi degli anni scorsi hanno avuto la stessa idea.
Come gli anni scorsi, sono state organizzate molte classi dell’ École populaire de patois, composte da allievi adulti o da ragazzi, a cura del BREL (Bureau Régional pour l’Ethnologie et la Linguistique), in differenti località valdostane.
Nei corsi di quest’anno, sono state inserite dal BREL alcune novità:
- ai partecipanti dei Corsi di "Connaissance orale" (per debuttanti o di perfezionamento), NON è stato più concesso di creare e di presentare una propria Pièce teatrale a fine corso.
- un interessante Corso di Graphie, a cui ho partecipato per la mia prima volta, vedi la <pagina relativa> in questa sezione.
- la settimana di "full immersion" è stata suddivisa in diversi "week-ends" di bain de langue en patois, proposti in diverse località valdostane, per offrire più occasioni di incontro ad un maggior numero di partecipanti; nella sessione dei Corsi 2010-2011, le località scelte sono state: Cogne, Perloz e Torgnon.
Quest’anno io, insieme con alcuni amici, ho scelto di partecipare al Corso di Teatro popolare, sotto la direzione del "maestro" Pierino Martin.   Siamo stati consapevoli che questa scelta ci avrebbe comunque permesso di migliorare la conoscenza della lingua, seguendo un metodo meno formale e, per noi, più divertente.
Così dal 30 novembre 2010, con altri 13 allievi (poi ridottisi a 11), ho iniziato a frequentare le aule della Scuola di Gressan (messaci a disposizione dall’Amministrazione Comunale), per 2 ore serali ogni martedì.   Nell’ambito del nostro "Cours de Théâtre", durato da novembre 2010 ai primi giorni di maggio 2011, si sono susseguite 23 lezioni regolari (a cui si sono aggiunte molte altre "suppletive" vicino alla data della esibizione ufficiale), che hanno permesso agli allievi di studiare il testo di una nuova Pièce e, nello stesso tempo, di approfondire le proprie conoscenze di vocabolario, di grammatica e di fonetica del patois.
A questo impegno si è aggiunto quello relativo al week-end di Bain de langue en patois, svoltosi dal 3 al 5 giugno 2011 a Torgnon (Valtournenche), che ha coinvolto un buon numero di persone provenienti dai vari corsi e da diverse località, anche al di fuori della Valle d’Aosta.
Di questo ulteriore impegno parlo nella <pagina del Bain de langue a Torgnon> di questa sezione.
Durante questo week-end di studio a Torgnon, abbiamo avuto l’occasione di presentare la nostra pièce ai partecipanti allo stesso "Stage" e al pubblico presente nella cittadina turistica montana.
Dopo la scrittura dei primi testi della pièce, si sono succedute molte modifiche e correzioni nelle battute e nella scelta dei personaggi.   Con l’indispensabile e risolutivo aiuto del nostro insegnante (maestro) Pierino Martin (di Rhèmes-Saint-Georges), gli allievi hanno portato a termine la revisione dei testi e della sceneggiatura di una nuova Pièce dal titolo: "Lo mou di troo bièn" ( Il malessere dei nostri giorni ), suddivisa in varie scenette.  I partecipanti hanno quindi iniziato a familiarizzare e a cimentarsi nei vari ruoli della partitura.  I volontari allievi-attori "coraggiosi", della nostra classe, che hanno dato il proprio efficiente contributo nella costruzione dei testi e che poi si sono esibiti nei vari ruoli della nostra Pièce, sono stati, in ordine di apparizione:
Aurora (Soufie: cliente nel bar), Sylviane (Lizetta: cliente nel bar), Sarah (Zalìe: barista), Enea (Erneste: cliente del bar), Lara (Ambrozine: altra cliente del bar), Marika (Palmira: cliente del bar arrabbiata), Vezio (Rocco: avventore del bar abruzzese), Italo (Fransoué: amante di tutte le belle donne del villaggio), Viviana (La demouazella: che si finge spesso malata), Carla (Lo medeseun: che conosce bene la malata e i rimedi), Benedetto (Benoué) (La vouése: che impartisce insegnamenti e moniti ai vari personaggi).
Il 6 maggio (venerdì), nella grande struttura della "Sala Polivalente" di Gressan, alla presenza degli Amministratori locali, dei responsabili del BREL e dell’Assessore Regionale alla Cultura Laurent Viérin abbiamo effettuato la nostra esibizione "ufficiale" della Pièce, davanti a un folto pubblico composto da amici e parenti e dai partecipanti degli altri Corsi del BREL.

A fine serata, dopo la nostra esibizione, siamo stati premiati con l’attestato del BREL (presentato qui sotto) dall’Assessore Regionale alla Cultura Laurent Viérin che si è complimentato con gli allievi e con il maestro Pierino.  Gli amministratori di Gressan: il Sindaco Michel Martinet e l’Assessore Comunale alla Cultura Stefano Porliod, hanno chiesto all’Assessore Regionale di proseguire queste esperienze e le proposte teatrali.   Essi si sono detti entusiasti e disponibili ad accogliere i futuri allievi nelle scuole locali di Gressan, per le loro lezioni.
Nella stessa occasione di questo incontro, sono stati premiati tutti gli insegnanti degli altri Corsi del BREL.   La serata poi è finita in pizzeria per una meritata "pizzata".


Torna indietro Torna indietro  |  A inizio testo A inizio testo  |  A inizio Galleria di Foto A inizio Galleria di Foto  |  A Foto esibizione ufficiale A Foto esibizione ufficiale
A Pagina generale école e teatro A Pagina generale école e teatro  |  A Menu eventi di patois A Menu eventi di patois

Aggiornamento - 11/07/2012