Barzellette di varie tipologie e tematiche

(Un piccolo elenco di barzellette ricevute, negli anni, da alcuni amici
(alcuni ex-colleghi di lavoro) per scambiare un po’ di allegria e per mantenere i contatti)



Faccine Emoticon


"Barzellette di varie tipologie e tematiche"
trovate su Internet e scambiate tra amici in vari anni

Giugno / Luglio 2020

BARZELLETTE VARIE PER RAVVIVARE L’ALLEGRIA TRA AMICI

Sono barzellette di vario tenore e tematica che ho ricevuto, in molti anni, da carissimi amici, con i quali ho instaurato legami di amicizia.   Alcuni di loro sono ex-colleghi di lavoro e hanno condiviso con me molte escursioni in Italia e viaggi all’estero.   Alcuni non ci sono più e hanno lasciato in me e, in altri comuni amici, un grande vuoto.
Alcune barzellette inviatemi da alcuni di questi ultimi, rimangono come un segno del nostro legame spensierato e allegro.   Una allegria semplice e senza secondi fini che, spero, coinvolga i lettori di queste pagine.
Alcune rime appaiono scurrili e/o volgari ma dovranno essere perdonate perchè, come dice uno degli autori/presentatori, quando c’è la "poesia", occorre soprassedere agli eccessi lessicali e accettare la battuta.
Molte barzellette non sono state scritte dagli autori citati, ma sono di altri.   Sono state intercettate sui media di Internet e riproposte in altre e-mail o sui blog di amici, tra cui anche sull’e-mail del sottoscritto.
Spesso non sono "originali o nuove".   Esse sono apparse e riciclate più volte sui media ma, essendo carine o caratteristiche di un ambiente particolare e/o di un momento della nostra vita, meritano di essere ricordate qui.
Dato che in questo inizio del 2020 c’è molta tristezza diffusa e preoccupazione per il prossimo futuro a causa del coronavirus e delle sue conseguenze economiche, qualche battuta allegra e spensierata può aiutare a rasserenare (anche solo per qualche minuto) il nostro animo.
Le barzellette sono raccolte per tema, data e autore/presentatore.
Ho deciso di pubblicarle in una scheda specifica in questa sezione  "I miei racconti" del mio sito web, e continuerò a pubblicare in questa pagina anche quelle successive, man mano che ne arriveranno in futuro.
Buona Lettura !

Enea Fiorentini
Socio CAI (sezione di Roma) e Socio Associazione GM ("Giovane Montagna" - sezione di Roma)
Membro Accademico del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna), residente in Aosta



UN PENSIERO DI MAURIZIO
Si dice che chi ride ringiovanisce.
Io almeno ci provo e spero che accada anche a voi se riuscirete a ridere...
Soprattutto in questi tempi, una bella risata non può che giovare all’umore !



TEMA DATA AUTORE/PRESENTATORE BARZELLETTA
Razza 6/10/1977 Carlo Monni (Bozzone)

Poesia dal film: "Berlinguer ti voglio bene"
di Giuseppe Bertolucci e
di Roberto Benigni del 6 ottobre 1977:
Carlo Monni interpreta l’amico Bozzone
di Cioni (Roberto Benigni) mentre in bici
recita la poesia ricordata qui di seguito.

Vedi questa scena su Youtube:
( Noi semo quella razza...)
6 Ottobre 1977
(NOI SEMO QUELLA RAZZA...)


Noi semo quella razza che non sta troppo bene,
che di giorno salta fossi e la sera le cene.
Lo posso gridà forte fino a diventà fioco,
noi semo quella razza che tromba tanto poco.
Noi semo quella razza che al cinema s’intasa
pe’ vede’ donne ’gnude e farsi seghe a casa.
Eppure, la natura ci insegna sia sui monti, sia a valle
che si po’ nascer bruchi pe’ diventà farfalle.
Noi semo quella razza che l’è tra le più strane
che bruchi semo nati e bruchi si rimane.
Quella razza semo noi l’è inutile far finta:
c’ha trombato la miseria e semo rimasti incinta.
 
Razza 12/10/2009                     Maurizio
            " Un sorriso! Ogni tanto fa bene! "

            (LA RAZZA UMANA...)

 La bambina chiede alla mamma:
            < Mamma, come nacque la razza umana? >
        La mamma risponde:
            < Dio creò Adamo ed Eva e loro ebbero dei figli.   Così nacque la razza umana. >
        Due giorni dopo la bambina fece la stessa domanda al papà.
        Il padre rispose:
            < Molti secoli fa esistevano le scimmie.
               Con il passare degli anni si svilupparono e si trasformarono in uomini.
               È così che nacque la razza umana. >
        Molto confusa, la piccolina, si rivolse alla mamma e le chiede:
            < Mamma, come mai tu mi dici che la razza umana fu creata da Dio
               e papà mi dice che proveniamo dalla scimmia? >
            < Tesoro, - le risponde la mamma - io ti ho parlato della mia famiglia e papà della sua. >
 

ABC... 10/02/2010                     Maurizio
                      " Parole parole "

       (ABBECEDARIO...)
       (Da gustare con calma e a piccoli sorsi. Buon divertimento.)

 ABBECEDARIO - Espressione di sollievo di chi si è accorto che c’è anche Dario
        ADDENDO - Urlo della folla quando a Nairobi stai per pestare una merda
        ALUNNO - Esclamazione sfuggita a Papa Leone all’apparire di Attila
        APPENDICITE - Attaccapanni per scimmie
        ASSILLO - Scuola materna sarda
        AUTOCLAVE - Armi automatiche dell’età della pietra
        BALESTRA - Sala ginnica per gente di colore
        BASILICA - Chiesa aromatica
        BIGODINO - Doppio orgasm...ino
        BUCANEVE - Precisa pipì maschile invernale
        CALABRONE - Grosso abitante di Cosenza
        CALAMARI - Molluschi responsabili della bassa marea
        CAPPUCCETTO ROSSO - Profilattico sovietico
        CATALESSI - Catalani condannati alla pentola a pressione
        CERBOTTANA - Cervo femmina di facili costumi
        CERVINO - Domanda dei clienti all’oste romano
        CONCLAVE - Riunione di cardinali violenti e trogloditi
        CONTORSIONISTA - Ebreo arrotolato
        COREOGRAFO - Studioso delle mappe della Corea
        CUCULO - Gay balbuziente
        CURRICULUM - Gara di finocchi ai tempi dell’antica Roma
        DOPING - Pratica anglosassone del rimandare a più tardi
        ECCEDENTE - Frase di un dentista latino dopo un’estrazione
        ELETTROPOMPA - Novità bolognese a luci rosse
        EMPORIO - Fratello di Giorgio Armani
        EQUIDISTANTI - Cavalli in lontananza
        EQUINOZIO (1) - Zio del cavallo
        EQUINOZIO (2) - Cavallo che non lavora
        EUFRATE - Monaco mesopotamico
        FAHRENHEIT - Tirar tardi la notte
        FANTASMA - Malattia dell’apparato respiratorio che colpisce i forti consumatori di aranciata
        FOCACCIA - Foca estremamente malvagia
        GAIEZZA - Gioia omosessuale
        GESTAZIONE - Gravidanza di moglie di ferroviere
        GIULIVA - Slogan di chi è vessato dall’Imposta sul Valore Aggiunto
        INCUBATRICE - Macchina fabbricatrice di sogni terribili
        LATITANTI - Poligoni con molte, moltissime facce
        LORD - Signore inglese molto sporco
        LUX - Primo tipo in assoluto di FIAT
        MAREMMA - Nome di una famosa maiala
        MARRON GLACES - Testicoli sotto zero
        MELODIA - Preghiera di una vergine
        MESSA IN PIEGA - Funzione religiosa eseguita da un prete in curva
        NEOLAUREATO - Punto nero della pelle che ha fatto l’università
        OBIETTORE - Ottico fabbricante di obiettivi che, se è particolarmente serio, viene chiamato
                                " obiettore di coscienza "
        OPOSSUM - Marsupiale americano possibilista
        PARTITI - Movimenti politici che nonostante il nome sono ancora qui
        PREVENIRE - Soffrire di eiaculazione precoce
        RAZZISMO - Scienza che studia i propulsori a reazione
        RAZZISTA - Fabbricatore di missili
        REDUCE - Sovrano con tendenze di estrema destra
        SALADINO - Biscotto salato con il raffreddore
        SALAME - Tipo di figura che il maiale non vorrebbe mai fare
        SALMONE - Cadavere di obeso
        SANCULOTTO - Patrono degli omosessuali
        SBRONZI - Ubriachi di Riace
        SCIMUNITO - Attrezzato per gli sport invernali
        SCORFANO - Pesce che ha perduto i genitori
        SOMMARIO - Indicativo presente del verbo " essere Mario "
        SPAVENTO - Società per azioni eolica
        STRAFOTTENTE - Dicesi di persona di grandi qualità amatorie
        TACCHINO - Parte della scarpina
        TELEPATIA - Malattia che colpisce chi guarda troppo la TV
        TONNELLATA - Marmellata di tonno
        TROIKA - Donna russa di facili costumi
        VIBRATORI - Macchina per vibromassaggio bovino
        VIGILIA - Donna vigile urbano
        ZONA DISCO - Parcheggio per gli UFO
 

Becca
Morto
02/02/2013                     Luigi
                   " Il beccamorto "

       (NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE...)

 " Il Beccamorto "

        Si racconta che durante il Medioevo quando un uomo moriva, per certificarne la morte
        veniva chiamato il medico condotto, il quale, per verificare l’effettivo decesso, usava
        infliggere dolore al deceduto.
        Il modo più comune utilizzato in quel tempo era un potente morso inflitto alle dita dei
        piedi, quasi sempre l’alluce.
        Nel dialetto del popolino, il medico assunse così il nome di "Beccamorto".
        Questa pratica diede origine ad un vero e proprio mestiere.
        La tradizione prevedeva che tale mestiere fosse tramandato dal padre al primo figlio maschio.
        Verso la fine del medioevo accadde però qualcosa che cambiò il futuro dei beccamorti.
        Uno dei beccamorti più famosi non riuscì a concepire un figlio maschio:
        la moglie partorì 4 figlie femmine.
        Il beccamorto, per evitare l’estinzione del mestiere, domandò alla chiesa la dispensa per poter
        tramandare la professione alla propria figlia femmina la quale, dopo aver ricevuto la benedizione,
        iniziò il suo lavoro di beccamorto.
        Il caso volle che il suo primo morto fosse un uomo al quale un carro aveva tranciato entrambe
        le gambe; la ragazza era indecisa su dove infliggere il morso ma, alla fine, prese una decisione...
        Nacquero cosi "Le pompe funebri" !!
 

Bilanci 10/02/2010                     Rino
                " Confronti e Bilanci "

       (BILANCIO DI UN’EPOCA...)
        ( Per chi ha la mia età (o quasi) è un bel tuffo in un passato che
          abbiamo vissuto )

 LATTE, BURRO E UOVA
        " 1969 "
        Vai a prendere il latte dal lattaio, che ti saluta, con in mano il bidone in alluminio; prendi il burro
        fatto con latte di mucca, tagliato a panetti.
        Poi chiedi una dozzina di uova che sono messe in un vaso di vetro.
        Paghi con il sorriso della lattaia ed esci sotto il sole splendente.
        Il tutto ha richiesto 10 minuti di tempo.

        " 2010 "
        Prendi un carrello del cavolo, che ha una ruota bloccata, che lo fa andare in tutti i sensi salvo
        in quello che tu vorresti, passi per la porta che dovrebbe girare, ma che è bloccata perché un
        cretino l’ha spinta; poi cerchi il settore latticini, dove normalmente ti ghiacci e cerchi di scegliere
        fra 12 marche di burro, che dovrebbe essere fatto a base di latte comunitario.
        E controlli la data di scadenza...
        Per il latte: devi scegliere fra vitaminico, intero, scremato, nutriente, per bambini, per malati o
        magari in promozione, ma con la data di scadenza ed i componenti...
        Lasciamo perdere !
        Per le uova: cerchi la data di deposizione, il nome della ditta e soprattutto verifichi che nessun
        uovo sia incrinato o rotto e, accidenti !  Ti ritrovi i pantaloni sporchi di giallo !
        Fai la coda alla cassa, ma la cicciona davanti a te ha preso un articolo in promozione che non
        ha il codice...  Allora aspetti e aspetti...
        Poi sempre con questo carrello del cavolo, esci per prendere la tua auto sotto la pioggia, ma
        non la trovi perché hai dimenticato il numero della corsia...
        Infine, dopo aver caricato l’auto, bisogna riportare l’arnese rotto e solo in quel momento ti
        accorgi che è impossibile recuperare la moneta...
        Torni alla tua auto sotto la pioggia che è raddoppiata nel frattempo...
        È più di un’ora che sei uscito.

 FARE UN VIAGGIO IN AEREO
        " 1969 "
        Viaggi con Alitalia, ti danno da mangiare e ti invitano a bere quello che vuoi, il tutto servito da
        bellissime hostess: il tuo sedile è talmente largo che ci si può stare in due.

        " 2010 "
        Entri in aereo continuando ad impigliarti con la cintura, che ti hanno fatto togliere in dogana per
        passare il controllo.
        Ti siedi sul tuo sedile e se respiri un po’ forte dai una botta con il gomito allo schienale del vicino.
        Se hai sete lo stewart ti porta la lista e i prezzi sono stratosferici.

 A SCUOLA
        " 1969 "
        Michele vuole andare nel bosco all’uscita da scuola.
        Mostra il suo coltellino a Giovanni, con il quale pensa di fabbricarsi una fionda.
        Il direttore scolastico vede il suo coltello e gli domanda dove l’ha comprato, per andarsene a
        comprare uno uguale.

        " 2010 "
        La scuola chiude, si chiama la polizia, che porta Michele in commissariato.
        Il TG1 presenta il caso durante il telegiornale in diretta dalla porta della scuola.

 DISCIPLINA SCOLASTICA
        " 1969 "
        Fai il bullo in classe.
        Il professore ti molla una sberla.
        Quando arrivi a casa tuo padre te ne molla un altro paio.

        " 2010 "
        Fai il bullo.
        Il professore ti domanda scusa.
        Tuo padre ti compra una moto e va a spaccare la faccia al prof !

 LITIGI A SCUOLA
        " 1969 "
        Franco e Marco litigano.
        Si mollano qualche pugno dopo la scuola.
        Gli altri seguono lo scontro.  Marco vince.
        I due si stringono la mano e sono amici per tutta la vita.

        " 2010 "
        La scuola chiude.
        Il TG1 denuncia la violenza scolastica.
        Il Corriere della Sera mette la notizia in prima pagina su 5 colonne.

 UN DANNO NEL QUARTIERE
        " 1969 "
        Enrico rompe il parabrezza di un’auto nel quartiere.
        Suo padre sfila la cintura e gli fa capire come va la vita.
        Enrico farà più attenzione la prossima volta, diventa grande normalmente, fa degli studi,
        va all’università e diventa un bravo professionista.

        " 2010 "
        La polizia arresta il padre di Enrico per maltrattamenti sui minori.
        Enrico si unisce ad una banda di delinquenti.
        Lo psicologo arriva a convincere sua sorella che il padre abusava di lei e lo fa mettere in prigione.

 PICCOLO INFORTUNIO DURANTE UNA CORSA A PIEDI
        " 1969 "
        Giovanni cade dopo una corsa a piedi.
        Si ferisce il ginocchio e piange.
        La professoressa lo raggiunge, lo prende in braccio per confortarlo.
        In due minuti Giovanni sta meglio e continua la corsa.

        " 2010 "
        La prof è accusata di perversione su minori e si ritrova disoccupata, si becca 3 anni di prigione
        con la condizionale.  Giovanni va in terapia per 5 anni.
        I suoi genitori chiedono i danni e gli interessi alla scuola per negligenza nella sorveglianza e
        alla professoressa per trauma emotivo.
        Vincono tutti i processi.
        La prof disoccupata è interdetta e si suicida gettandosi da un palazzo.
        Più tardi Giovanni morirà per overdose in una casa occupata.

 ARRIVA IL 25 OTTOBRE (CAMBIO DELL’ORA LEGALE)
        " 1969 "
        Non succede nulla.
        " 2010 "
        È il giorno del cambio dell’ora legale: le persone soffrono d’insonnia e di depressione.

 LA FINE DELLE VACANZE
        " 1969 "
        Dopo aver passato 15 giorni di vacanza con la famiglia, nella roulotte trainata da una Fiat 125,
        le vacanze terminano.
        Il giorno dopo si ritorna al lavoro freschi e riposati.

        " 2010 "
        Dopo 2 settimane alle Seychelles, ottenute a buon mercato grazie ai "buoni vacanze" della ditta,
        rientri stanco ed esasperato a causa di 4 ore di attesa all’aeroporto, seguite da 12 ore di volo.
        Al lavoro ti ci vuole una settimana per riprenderti dal fuso orario.

        COME SI DICE: VIVIAMO IN UN’EPOCA DAVVERO FORMIDABILE !
 

Bin
Laden
e altri
16/01/2009                     Maurizio
                        " Affabulatori... "

        ( BUSH, BIN LADEN E B. VENGONO CONVOCATI DA DIO... )

 DIO fornisce critiche e ordini ai convocati:
            < Le cose sulla terra non vanno affatto bene, e voi siete una spina nel fianco.
               Se non vi darete una regolata voi ed i Vs. popoli, vi metterò tutti a spalare
               letame per l’eternità ! >
        Tornati sulla terra tutti e 3 parlano ai rispettivi popoli tramite una conferenza stampa.

        BUSH:
            < Americani ! Ho 1 bella notizia da darvi ed 1 brutta...   ...la bella è che DIO esiste... >
        e tutti gli americani esultano...
            < ...la seconda è che se non ci diamo una regolata spaleremo letame per l’eternità ! >
        Gli americani, come ovvio, cercano di dare il loro meglio per fare andare bene le cose

        BIN LADEN:
            < Popolo ! Ho 2 notizie brutte da darvi... la prima è che Allah non esiste... >
        e tutti " Nooooooo ! "
            < ...la seconda è che se non ci diamo una regolata ci toccherà spalare merda per l’eternità ! >
        Ed anche i suoi " fedeli " si adeguano...

        B.:
            < Italiani !!!  Ho 2 bellissime notizie da darvi !!
               ...la prima è che mio " PADRE " Vi saluta...
               ...la seconda è che ... ho trovato lavoro per tutti !!! >
 

Bin
Laden
10/03/2010                     Stefano B. (40° AUC)
                            " Bin Laden ci ha provato... "

        ( ECCO PERCHÉ BIN LADEN NON FARÀ ATTENTATI IN ITALIA... )
        ( L’Italia è al sicuro da attacchi terroristici. Bin Laden ha dichiarato:
         " È molto difficile fare un attentato in Italia " )
        ( In realtà alcuni documenti del SISDE rivelati recentemente affermano
         che Bin Laden ci ha provato.  Tempo fa diede ordine di organizzare un
         attentato aereo in Italia.  Due terroristi, provenienti da un Paese del
         Medio Oriente, arrivarono a Napoli con la ferma determinazione di
         eseguire il " castigo di Allah " per gli infedeli italiani ).

 ECCO COME È ANDATA

        DOMENICA, ORE 23.47
        Arrivano all’aeroporto internazionale di Napoli, via aerea dalla Turchia.
        Escono dall’aeroporto dopo otto ore perché gli hanno perso le valigie.
        La società di gestione dell’aeroporto non si assume la responsabilità della perdita e un impiegato
        consiglia ai terroristi di provare a ripassare il giorno dopo: < "chissà, con un po’ di fortuna..." >
        Prendono il taxi: il taxista (abusivo) li guarda dallo specchietto retrovisore e, vedendo che sono
        stranieri, li passeggia per tutta la città per un’ora e mezza.
        Dal momento che non proferiscono lamentela, neanche dopo che il tassametro raggiunge i
        200 Euro, decide di fare il colpo gobbo: arrivato alla rotonda di Villaricca, si ferma e fa salire un
        complice.  Dopo averli derubati e ricoperti di mazzate li abbandonano esanimi al Rione 167.

        LUNEDÌ, ORE 4.30
        Al risveglio, dopo la mazziata, ambedue i terroristi riescono a raggiungere l’albergo sito in zona
        piazza Borsa.  Decidono quindi di affittare un’auto presso la Hertz di piazza Municipio.
        Quindi si avviano in direzione aeroporto, ma giusto prima di arrivare a piazza Mazzini, rimangono
        bloccati da una manifestazione di studenti uniti alle tute bianche anti-global e ai disoccupati
        napoletani che non li lasciano passare.

        LUNEDÌ, ORE 12.30
        Arrivano finalmente in piazza Garibaldi, decidono di cambiare dei soldi per muoversi più
        liberamente: i loro dollari vengono cambiati in biglietti da 100 Euro falsi.

        LUNEDÌ, ORE 15.45
        Arrivano all’aeroporto di Capodichino con la ferma intenzione di dirottare un aereo per farlo cadere
        sulle torri dell’Enel del centro direzionale.
        I piloti Alitalia sono in sciopero perché chiedono la quadruplicazione del salario e vogliono lavorare
        meno ore.  Stessa cosa per i controllori di volo che pretendono anche la pinza obliteratrice per tutti
        (< altrimenti che controllori saremmo >, hanno dichiarato).
        L’unico aereo disponibile che c’è in pista è uno della Maradona Air con destinazione Alghero ed ha
        18 ore di ritardo...  Gli impiegati ed i passeggeri sono accampati nelle sale d’attesa, intonano canti
        popolari, gridano slogan contro il governo e i piloti !
        Arrivano i celerini, cominciano a dare manganellate a destra e a manca, contro tutti, si accaniscono
        in particolar modo sui due arabi.

        LUNEDÌ, ORE 19.05
        Finalmente si calmano un po’ gli animi.
        I due figli di Allah, coperti di sangue, si avvicinano al banco della Maradona Air per acquistare
        i biglietti per l’aereo con destinazione Sassari, dirottarlo e farlo schiantare contro la torre Enel.
        Il responsabile della Maradona Air che vende loro i biglietti tace il fatto che il volo, in realtà, è già
        stato cancellato.

        LUNEDÌ, ORE 22.07
        A questo punto i terroristi discutono se continuare oppure no...
        non sanno più se distruggere Napoli è un atto terroristico o un’opera di carità.

        LUNEDÌ, ORE 23.30
        Morti di fame decidono di mangiare qualcosa al ristorante dell’aeroporto:
        ordinano panino con la frittata e impepata di cozze.

        MARTEDÌ, ORE 4.35
        In preda a una salmonellosi fulminante causata dalla frittata finiscono all’ospedale Cardarelli,
        dopo aver aspettato tutta la notte nel corridoio del pronto soccorso.
        La cosa non sarebbe durata più di due giorni se nel frattempo non fosse subentrato un
        sospetto di colera dovuto alle cozze.  Successivamente, a causa di un banale scambio di
        cartelle cliniche ad uno dei terroristi viene asportato un rene sano, all’altro viene applicato
        un doppio pacemaker di fabbricazione cinese acquistato sul mercato nero.

        DOMENICA, ORE 17.20
        Dopo dodici giorni escono dall’ospedale e si trovano nelle vicinanze dello stadio San Paolo.
        Il Napoli ha perso in casa con il neopromosso Palermo per 3-0, con due rigori assegnati alla
        squadra siciliana dall’arbitro Concettino Riina da Corleone.
        Una banda di ultrà della " Masseria Cardone ", vedendo i due scuri di carnagione, li scambiano
        per tifosi del Palermo e rifilano loro un’altra caterva di legnate.
        Per di più il capo degli ultrà, un tale detto " Peppo o Ricchione ", abusa sessualmente di loro.

        DOMENICA, ORE 19.45
        Finalmente gli ultrà se ne vanno.
        I due terroristi decidono di ubriacarsi per la prima volta nella loro vita (anche se è peccato !).
        In una bettola della zona portuale rifilano loro del vino adulterato con metanolo e i due rientrano
        al Caldarelli per l’intossicazione.
        Viene anche riscontrata loro la sieropositività all’HIV (Peppo non perdona...).

        MARTEDÌ, ORE 23.42
        I due terroristi fuggono dall’Italia in zattera in direzione Libia,
        semiorbi per il metanolo ingerito e con una dozzina di infezioni a causa del virus HIV.
        Giurano ad Allah che non tenteranno mai più nulla contro il paese italiano.
 

Cazzo 26/01/2005                     Aldo Maero (49° AUC)
                               " Quanno ce vo’ ce vo’ "

     (UN PO’ D’IRONIA NON GUASTA...)
     ( Elenco degli eventi storici nei quali è stato lecito usare la parola " CAZZO " )

 1 - " Sta torre, col cazzo che cade ! "  (Babele, 5000 a.C.)
        2 - " Piogge a tratti, un cazzo ! "  (Noé, 4314 a.C.)
        3 - " Santità, lo vuole davvero quel cazzo di soffitto ? "  (Michelangelo, 1566)
        4 - " Da dove cazzo sbucano tutti questi indiani ? "  (Generale Custer, 1876)
        5 - " Cazzo ! Ti somiglia un casino ! "  (Picasso, 1926)
        6 - " E dai ! Chi cazzo vuoi che lo venga a sapere ? "  (Clinton, 1999)
        7 - " Cazzo, non credevo si arrabbiassero cosí tanto ! "  (Osama Bin Laden, 2001)
        8 - " La vuoi o no questa cazzo di macchina ? "
                                                  (Il presidente della FIFA all’arbitro Moreno, giugno 2002)
        9 - " Ma chi cazzo ho comprato ? "  (Il presidente dell’Inter, alla fine di tutte le estati)
 

Core de
Napoli
10/11/2010                     Maurizio
                   " Omaggio a Napoli "

       (CORE DE NAPOLI...)

 SCRITTA SU UN MURO DI NAPOLI
        " Dio creò la Padania, poi si accorse dell’errore e creò la nebbia. "

 UNA SIGNORA DI NAPOLI
        Parla con una amica:
            < Ho 10 figli; si chiamano tutti Gennarino >
        L’amica:
            < E come fai a distinguerli ? >
        La napoletana:
            < Li chiamo per cognome ! >

 UN TURISTA A NAPOLI
        Un turista sale su un tram a Napoli e inserisce il biglietto nella timbratrice.
        La macchinetta fa TLAC-TLAC.
        L’autista si volta di scatto e grida:
            < CHE CAZZ È ’STU RUMMORE ? >

 RAPINA A NAPOLI
        Un rapinatore sale sull’autobus e grida:
            < Fermi, questa è una rapina ! >
        Un signore si alza e dice:
            < Maronn’ mia... che spavento... pensavo fosse ’o controllore ! >

 COS’È il 740 ?
        Cosa pensano che sia il 740 nelle varie città d’Italia ?
        A Milano: la denuncia dei redditi.
        A Roma: La Volvo 740.
        A Napoli: le otto meno venti.
        A Palermo: ma chi minchia di calibro iè questo?

 SU UN TRENO...
        Su un treno, un napoletano vuole conversare con un Lord Inglese e gli chiede:
            < Uot is ior neimm ? >
        E il Lord:
            < My name is Bond... James Bond, and you ? >
        E il Napolitano risponde:
            < My name is Sep... Giu Sep !! >

 TG5 NEWS: SCIAGURA AEREA NEI PRESSI DI NAPOLI....
        Si è schiantato un elicottero in un cimitero.
        I Carabinieri hanno già estratto 685 corpi e stanno ancora scavando.

 DURANTE UNA INIZIATIVA DEI VIGILI URBANI DI NAPOLI...
        I Vigili Urbani di Napoli, per incoraggiare l’utilizzo delle cinture di sicurezza, hanno deciso
        di dare un premio di 5.000 Euro al primo automobilista che ogni mattina passa davanti
        ad una pattuglia con la cintura allacciata.
        Il primo giorno il premio va a una macchinna che sta uscendo dal porto.
        I vigili la fermano e si congratulano con l’automobilista.
        Uno dei vigli urbani gli chiede cosa pensa di fare con i soldi vinti:
        E l’automobilista risponde:
            < Beh, penso che andrò a scuola guida per prendere la patente... >
        Ma, la donna vicino a lui, lo interrompe dicendo:
            < Non statelo a sentire, sragiona sempre quando è ubriaco... >
        Sul sedile posteriore un uomo che stava dormendo si sveglia, vede la scena e grida:
            < Lo sapevo che non saremmo passati con una macchina rubata ! >
        Improvvisamente, si sente un colpo dal baule, e due voci con accento africano chiedono:
            < E allora, siamo fuori dal porto ? >
 

Core de
Roma
01/05/2010                     Maurizio
           " Anche queste sono divertenti! "

       (CORE DE ROMA...)
       (Qualche giorno fa, ad una conferenza sull’architettura romana del ’400,
        il relatore dice che in tutta Europa era di moda parlar male di Roma, cosa
        che sembra essere proseguita nei secoli...)

 A BORDO DELLA METRO "A"
        Una signora espone il biglietto integrato giornaliero al controllore:
            < Mi scusi, con questo posso viaggiare tutto il giorno ? >
        Il Controllore:
            < Si nun c’hai ’n cazzo da fa’... Sì >

 INCROCIO A PONTE MARCONI
        Camionista che suona, donna distinta (in apparenza) che grida dal finestrino:
            < Va a sonà ’n mezzo a ’e cosce de tu’ moje che c’è più traffico ! >

 MERCATO DEL PESCE DI TESTACCIO
        Il pescivendolo urla a squarciagola:
            < Ahò! ’Sti pesci nun so’ morti, stanno a dormì ! >

 AL PARCHEGGIO DI TAXI DI VIA FLAMINIA
        Cliente:
            < Scusi, la via più breve pe’ annà ar cimitero ? >
        Taxista:
            < ’Na revorverata ’n bocca ! >

 DUE AMICI AL MARE
        Uno di Ostia e l’altro di Fiumicino, muoiono di caldo e decidono di andare a fare il bagno insieme.
        Al momento di entrare in acqua il ragazzo di Fiumicino nota che quello di Ostia non sa nuotare
        e gli urla sbeffeggiante:
            < Ahoò, sei propio ’n ’idiota. Sei de Ostia e nun sai nòtà ? >
        E il ragazzo di Ostia prontamente gli risponde:
            < Perché, te che sei de Fiumicino sai volà !? >
 

Diagnosi 15/04/2010                     Giuliano
                 " Storiella un po’ spinta! "

       (DIAGNOSI...)
       (Sempre pericoloso affidarsi alle macchine...)

 Un giorno un tale confida ad un amico:
            < Ho un braccio che mi fa veramente male. Dovrei farmi vedere da un medico. >
        L’amico gli dice:
            < Non farlo. c’è un computer al centro commerciale che può diagnosticare
               qualsiasi cosa ed è molto più veloce di un medico.
               Semplicemente gli dai un campione delle tue urine,
               il computer diagnostica il tuo problema e ti dice che cosa devi fare.
               Costa solo 10€. >
        Il tale pensa che ha poco da perdere, raccoglie in un contenitore un po’ delle sue urine
        e si reca al centro commerciale.
        Trova il computer, inserisce i 10€ e quindi versa il campione delle urine.
        Il computer inizia l’analisi e in pochi istanti produce un ticket con la diagnosi:
            < Hai il gomito del tennista.
               Fai degli impacchi con acqua calda e tieni il braccio a riposo.
               In un paio di settimane starai meglio. >
        La sera stessa il tale, riflettendo sulla portata di questa nuova tecnologia e di come
        cambierà la scienza medica in futuro, inizia a pensare se il computer può essere ingannato.
        Decide di provare.
        Prende un contenitore e ci mette un pò di acqua del cesso, feci del suo cane, urine della figlia,
        urine della moglie, e per finire si masturba e mette anche un po’ del suo sperma.
        Torna al centro commerciale, inserisce nel computer i 10€ e il contenuto della scatoletta.
        Il computer inizia la sua analisi ed emette la seguente diagnosi:
            < L’acqua del tuo cesso è troppo dura. Usa un anticalcare.
               Il tuo cane ha le pulci. Fagli un bel bagno con un buon shampoo.
               Tua figlia fa uso di cocaina. Portala in una comunità di riabilitazione.
               Tua moglie è incinta. Due femmine.
               Non sono tue. Vai da un avvocato.
               E se non smetti di masturbarti, il gomito non ti guarirà mai. >
 

Donne 11/03/2008                     Maurizio
            " Prendetevi una piccola pausa! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Una ragazza va da un prete per parlargli:
            < Padre, io ho comprato due pappagalline.
               Volevo insegnargli a parlare, ma loro dicono solo una frase! >
        E il prete chiede: < E cosa dicono? >
        La ragazza spiega cosa dicono:
            < Ciao, siamo due prostitute! Vuoi divertirti un po’? >
            < Acc... Che scandalo! > replica il prete e poi suggerisce:
            < Fai così: Io ho due pappagalli maschi a cui ho insegnato a pregare e a leggere la bibbia!
               Li mettiamo vicini così i miei lo insegneranno alle tue! >
            < Oh grazie, grazie infinite! > risponde la ragazza.
        Dopo un po’, la ragazza torna e porta le pappagalle.
        Le mette vicino a quelli del prete che stavano dicendo il rosario.
        Le due pappagalle iniziano:
            < Ciao, siamo due prostitute! Volete divertirvi un po’? >
        E un pappagallo all’altro:
            < Metti via la bibbia Frank! Le nostre preghiere sono state esaudite! >

 Lui:
            < Amore, ho una barzelletta che ti farà cadere le tette dal ridere... >
        Poi la guarda nuda e dice:
            < Forse te l’ho già raccontata ! >
 

Donne 12/03/2008                     Maurizio
            " Anche queste sono carine! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Una vecchietta alla fermata dell’autobus domanda:
            < Scusi, giovine, dove devo prendere l’autobus per andare al cimitero ? >
        E il giovane:
            < In fronte... >

 Una madre all’amica:
            < Le mie figlie hanno sposato 2 salumieri
               Così ho 2 generi alimentari... >

 Un annuncio sul giornale:
            < AAA - Cerco ragazza di razza perchè bastarda l’ho già avuta! >

 A Napoli, in una scuola elementare per bambini down.
        La maestra di inglese entra e dice:
            < Sit down! >
        E i bambini rispondono:
            < E tu si ’na zoccola! >
 

Donne 26/03/2008                     Maurizio
                      " Solo per adulti! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Una donna davvero brutta e antipatica, con un’espressione sgradevole e odiosa, entra in
        un grande magazzino con i suoi due figli, imprecando contro di loro per ogni minima cosa.
        La commessa gentilmente la saluta:
            < Buongiorno e benvenuta. Che bei bambini! Sono due gemelli, vero ? >
        La donna ribatte:
            < Che cazzo dici, cretina! Uno ha nove anni e l’altro otto! Sei cieca o idiota ? >
        La commessa risponde con calma:
            < No signora, non sono né cieca, né idiota.
               Ma non potevo credere che qualcuno avesse potuto trombarla due volte! >
 

Donne 31/03/2008                    Giampiero
                           " Bon ton... "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Due amiche si incontrano.
        La prima dice:   < Sai, sono stata a Parigi, davvero una bella città! >
        La seconda risponde:  < Meraviglioso! >
        La prima continua:   < ...e già che ero lì, ho fatto un corso di cucina, nouvelle cuisine >
        E la seconda:  < Meraviglioso! >
        La prima:   < ...nel tempo libero andavo in palestra e mi mantenevo in grande forma >
        La seconda:  < Davvero meraviglioso! >
        La prima:   < ...pensa che avevo anche il tempo di andare dal parrucchiere due volte a settimana
                                e a fare i massaggi tutti i giorni >
        La seconda:   < Meraviglioso! >
        La prima:  < ...e tu cosa hai fatto di bello ? >
        La seconda:  < Un corso di Bon ton >
        La prima:  < ...e cosa hai imparato ? >
        La seconda:  < .. tante cose, per esempio a dire "Meraviglioso" >
        La prima:  < ...perché, prima cosa dicevi ? >
        La seconda:  < .. " Sti cazzi ! " >
 

Donne 20/03/2009                     Remo S.
       " La segretaria - ma a noi non succede! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

       La Segretaria
    Tratta dalla rubrica LETTERE AL DIRETTORE del "CORRIERE DELLA SERA"
    (perché sono contrario all’articolo 18 dello "Statuto dei Lavoratori")


   

 Caro Direttore,
        due settimane fa ho compiuto 42 anni.

        La mattina del mio compleanno mi sono alzato ed ero un po’ giù di morale.
        Sono andato a fare colazione sperando che mia moglie mi dicesse "Buon Compleanno!"
        e mi facesse una sorpresa dandomi un regalo.  Invece mi ha detto solamente: < "Buongiorno" >.
        I miei figli si sono seduti a tavola e l’unica cosa che mi hanno detto è stata:
            < Abbiamo bisogno di un aumento della paghetta ! >.
        Così sono andato a lavorare ancora più depresso.
        Appena entrato in ufficio, però, la mia segretaria (25enne e carina) mi è venuta incontro
        esclamando:
            < "Buon Compleanno !" >.
        Mi sono sentito subito meglio: per lo meno qualcuno se ne era ricordato!
        Ho lavorato normalmente fino a mezzogiorno quando la segretaria mi ha chiamato
        proponendomi di andare a mangiare insieme.
        Ho accettato dicendole che era la proposta migliore che potesse farmi.
        Abbiamo scelto un ristorante molto accogliente, abbiamo mangiato con calma e poi
        siamo andati da un’altra parte a bere un drink.
        È stato tutto molto bello e mentre tornavamo in ufficio la segretaria mi ha detto:
            < Visto che oggi è un giorno speciale, perché anziché tornare subito al lavoro
               non andiamo a casa mia a rilassarci un po’ ? >.
        Le ho risposto allibito che era un’ottima idea.
        Appena entrati nel suo appartamento, lei mi ha detto:
            < Se non le dispiace desidererei mettermi qualcosa di più comodo >.
        Io le ho risposto che non c’era alcun problema... e così se ne è andata in camera sua.
        Dopo tre minuti ne è uscita.... con una grande torta di compleanno, seguita da mia moglie,
        dai miei figli e dai miei amici con i quali cantava in coro:
            < Tanti auguri a te, tanti auguri a te ! >,
        mentre io ero in piedi in mezzo al salotto, nudo, con addosso solo un paio di calzini corti.

        Adesso mi dica:
        Le sembra giusto che io non abbia la possibilità di licenziare quella testa di cazzo
        della mia segretaria ?

 

Donne 19/05/2009                    Maurizio
           " Scherzi della natura, oppure... "

       (DONNA... MON AMOUR...)
        (Nella lingua italiana è curioso notare come alcune parole (e modi di dire)
        al maschile abbiano un significato mentre, se poste al femminile in taluni
        contesti, ne assumano di completamente diversi).
        Ecco, di seguito, alcuni esempi:

 Accompagnatore: pianista che suona la base musicale -> Accompagnatrice: mignotta
        Adescatore: uno che coglie al volo persone e situazioni -> Adescatrice: mignotta
        Buon uomo: probo, onesto -> Buona donna: mignotta
        Cortigiano: gentiluomo di corte -> Cortigiana: mignotta
        Il cubista: artista seguace del cubismo -> La cubista: mignotta
        Intrattenitore: uomo socievole, che tiene la scena, affabulatore -> Intrattenitrice: mignotta
        Maiale: animale da fattoria -> Maiala: mignotta
        Massaggiatore: chi per professione pratica massaggi, kinesiterapista -> Massaggiatrice: mignotta
        Mondano: chi fa vita di società -> Mondana: mignotta
        Omaccio: uomo dal fisico robusto e dall’aspetto minaccioso -> Donnaccia: mignotta
        Ometto: piccoletto, sgorbio inoffensivo -> Donnina: mignotta
        Passeggiatore: chi passeggia, chi ama camminare -> Passeggiatrice: mignotta
        Peripatetico: seguace delle dottrine di Aristotele -> Peripatetica: mignotta
        Prezzolato: sicario -> Prezzolata: mignotta
        Segretario particolare: portaborse -> Segretaria particolare: mignotta
        Steward: cameriere sull’aereo -> Hostess: mignotta
        Tenutario: proprietario terriero con una tenuta in campagna -> Tenutaria: mignotta
                                              (che ha fatto carriera)

        Un professionista: uno che conosce bene il suo lavoro -> Una professionista: mignotta
        Un torello: un uomo molto forte -> Una vacca: una mignotta
        Uno squillo: suono del telefono o della tromba -> Una squillo: mignotta
        Uomo allegro: un buontempone -> Donna allegra: mignotta
        Uomo con un passato: chi ha avuto una vita, magari sconsiderata,
                                             ma degna di essere raccontata -> Donna con un passato: mignotta
        Uomo da poco: miserabile, da compatire -> Donna da poco: mignotta
        Uomo d’alto bordo: tipo che possiede uno scafo d’altura -> Donna d’alto bordo: mignotta
                                              (di lusso, però)

        Uomo di malaffare: birbante, disonesto -> Donna di malaffare: mignotta
        Uomo di strada: uomo duro -> Donna di strada: mignotta
        Uomo disponibile: tipo gentile e premuroso -> Donna disponibile: mignotta
        Uomo facile: con cui è facile vivere -> Donna facile: mignotta
        Uomo molto sportivo: che pratica numerosi sport -> Donna molto sportiva: mignotta
        Uomo pubblico: personaggio famoso, in vista -> Donna pubblica: mignotta
        Uomo senza morale: tipo dissoluto, asociale, spregiudicato -> Donna senza morale: mignotta
        Zoccolo: calzatura in cui la suola è costituita da un unico pezzo di legno -> Zoccola: mignotta

        DILEMMA:
        O C’É QUALCHE PROBLEMA NELLA LINGUA ITALIANA,
        OPPURE CI SONO TANTE MIGNOTTE IN GIRO !!!!

 

Donne 11/06/2009                     Remo S.
               " Un paio sono carine! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Il Consiglio di Sicurezza della Motorizzazione ha fatto un collaudo su una cintura di sicurezza
        di recente invenzione.  I risultati hanno dimostrato che gli incidenti possono essere ridotti di
        circa il 45% quando la cintura è propriamente installata.  L’installazione corretta è illustrata sotto:


   

 In un paesino di provincia vive una giovane coppia di sposi, che però non riesce ad avere figli.
        Confidandosi con il parroco del paese, questi gli suggerisce di affidarsi alla preghiera e di fare
        un viaggio a Lourdes e accendere una candela per ottenere aiuto dal Signore.
        I due, approfittando delle vacanze, si recano quindi in pellegrinaggio a Lourdes e seguono i
        consigli del parroco.
        Dopo poco tempo il parroco viene trasferito in un altro paese.
        Dopo molti anni, ritorna in visita nel suo paesino e, ricordandosi della coppia di sposi, decide
        di andarli a trovare.
        Quando bussa alla loro porta, gli apre un bambino di circa dieci anni e il parroco fra sé pensa:
            <Però, il consiglio che gli ho dato è stato utile ! >
        Il parroco allora:
            < Ciao piccolo, sono in casa mamma e papà ? >
        Il bimbo:
            < No, sono fuori ! >
        E il prete:
            < Ma torneranno tardi ? >
        Il bimbo:
            < Non saprei di preciso, la mamma è andata con i miei due fratellini più piccoli dal dottore
                perché aspetta due gemelli... >
        Il prete:
            < E tu sei in casa da solo ? >
        Il bimbo:
            < No! C’è mia sorella più grande che sta dando il biberon alla mia sorellina di 7 mesi ! >
        Il prete:
            < E tuo papà ? >
        Il bimbo:
            < Non ho capito molto bene, ma mi ha detto che andava a Lourdes a spegnere una candela... >
 

Donne 14/09/2009                     Remo S.
               " Discorsi su Eutanasia! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Ieri sera mia moglie ed io eravamo seduti a tavola parlando delle cose della vita.
        Quando siamo arrivati a parlare di vita e di morte, le ho detto:
            < Non lasciare mai che io viva in stato vegetativo, in dipendenza completa da una macchina
               e facendomi alimentare da una cosa artificiale.
               Se mi dovessi vedere in questo stato, spegni gli apparati che mi tengono in vita. >
        Allora lei si è alzata, ha spento la televisione, il computer, il lettore cd e mi ha tolto la birra.
        ....’sta stronza!
 

Donne 20/09/2009                     Anonimo
                     " Gita domenicale "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Tema di uno scolaro di Napoli:
        Gita Domenicale
        Svolgimento
            < L’altra domenica abbiamo andati a
               Tintari io, mio papà, la mia mamma,
               mia sorella "schetta", mia sorella "maritata"
               senza figli e mio cognato e ci siamo
               mangiati al ristorante.
               Poi abbiamo andato a la Madona a
               pregare che ci dava un bambino a mia
               sorella "maritata".
               Ma sarà: o abbiamo pregato male o
               che la Madona non ci ha capito, il
               bambino la avuto mia sorella "schetta".
               Mia mamma dice che la
               Madona non si è cunfunnuta,
               si è cunfunnuto mio cognato. >
        ... Meditate gente !
 

Donne 03/02/2010                     Maurizio
                      " Question Time "

       (MA COME SONO SIMPATICHE LE DONNE... )
       (alcune battute sono già state sentite, ma altre mi paion nuove...)

 Perché gli uomini fischiettano meglio delle donne
        ...perché hanno il cervello di un uccello !

 In cosa si somigliano un uomo e un computer ?
        ...sembra che pensino e che facciano tutto, ma se non li programmi, non fanno niente !

 Perché tutte le donne guidano male ?
        ...perché tutti gli istruttori di guida sono uomini !

 Perché ci sono più donne che uomini ?
        ...perché la natura è saggia !

 Qual’è la differenza tra dissoluzione e soluzione ? 
        ...dissoluzione: mettere un uomo nella vasca con l’acido
        ...soluzione: metterceli tutti !

 Perché gli uomini preferiscono le vergini ?
        ...perché non sopportano le critiche !

 Perché occorrono migliaia di spermatozoi per fecondare un ovulo ?
        ...perché gli spermatozoi sono maschi e si rifiutano di chiedere la strada !

 Dio chiama Adamo e gli dice:
            < Ho due notizie per te, una buona e un’altra cattiva >,
        Adamo chiede prima la buona, e Dio gli risponde:
            < Ti farò due regali, un cervello e un pene ! >
            < Fantastico > risponde Adamo, <... e la cattiva ? >
        Dio risponde:
            < Non hai sufficiente sangue per farli funzionare entrambi allo stesso tempo ! >

 Perché solo un 10% degli uomini arriva in paradiso ?
        ...perché altrimenti sarebbe un inferno !

 Perché l’uomo scuote la testa per pensare ?
        ...perché i due neuroni che ha facciano contatto !

 Come far impazzire un uomo in camera da letto ?
        ...nascondendo il telecomando !

 Cosa devi fare quando vedi che il tuo ex-marito sta rotolando di dolore sul pavimento ?
        ...sparargli un’altra volta !

 Come definiresti un uomo ammanettato ?
        ...affidabile !

 Cosa significa quando l’uomo nel tuo letto ansima e dice il tuo nome ?
        ...che non hai tenuto abbastanza premuto il cuscino sulla sua faccia !

 Qual’è la differenza tra gli uomini e le donne ?
        ...una donna vuole che un solo uomo soddisfi tutte le sue esigenze
        ...un uomo vuole che tutte le donne soddisfino l’unica esigenza che ha !

 Come puoi evitare che tuo marito legga le tue e-mail ?
        ...rinomina la cartella di posta "manuale d’istruzioni"
 

Donne 03/05/2010                     Maurizio
                    " Attenti alle bugie "

       (DONNA... MON AMOUR... )
       Attenti alle bugie... le gambe sono sempre corte... anche in spagnolo
       (conoscevo la versione in italiano ma questa è più gustosa per "esse"...)

 OJO CON LAS MUJERES CELOSAS !!!
        Un hombre estaba sentado tranquilo, leyendo su periódico cuando su esposa, furiosa,
        llega de la cocina y le revienta un sartenazo por la nuca.
        ¡¡¡PUM!!!
        El hombre:
            < ¡Por Dios! ¡ ¿Qué mierda te pasa, CARAJO...?! >
        La mujer:
            < ¡¡¡Es por el papelito que encontré en el bolsillo de tu pantalón con el nombre de "Marylou"
               y un número!!! >
        El hombre:
            < Amorcito... ¿te acuerdas del dÍa que fui a la carrera de caballos ?
               Pues, Marylou era el caballo al que aposté, y el número es cuánto estaban pagando
               por la apuesta. >
        Satisfecha, la mujer se retiró pidiendo 1001 disculpas...
        DÍas después, estaba él nuevamente, sentado cuando...
        ¡¡¡PUM!!!
        Recibe un nuevo golpe, esta vez con una olla a presiýn.
        Más asustado, que idiota por el golpe, él le pregunta:
            < ¡¡¡¡¡¡¡ Y AHORA QUE HIJUEPUTAS TE PASÓ ??!!!!!!! >
        La mujer:
            < ¡¡¡QUE TU CABALLO LLAMÓ, MALPARIDO !!!


        ( TRADUZIONE )

 OCCHIO CON LE DONNE GELOSE !!
        Un uomo era seduto in silenzio a leggere il suo giornale quando sua moglie, furiosa, venne
        dalla cucina e gli fracassò una padella dietro al collo.
        PUM !!
        L’uomo:
            < Oh mio Dio! Che cazzo hai che non va, VAFFANCULO ...?! >
        La moglie:
            < È a causa del piccolo pezzo di carta che ho trovato nella tasca dei tuoi pantaloni con il nome
               "Marylou" e un numero !! >
        L’uomo:
            < Tesoro ... ti ricordi il giorno in cui sono andato all’ippica ?
               Bene, Marylou era il cavallo su cui ho scommesso, e il numero è quanto pagavano per la
               scommessa. >
        Soddisfatta, la donna lo ha lasciato chiedendo 1001 scuse...
        Giorni dopo, lui era di nuovo seduto quando...
        PUM !!
        Lui prende un altro colpo, questa volta con una pentola a pressione.
        Più spaventato, che reso idiota dal colpo, le chiede:
            < E adesso che cosa cavolo ti è successo ? >
        La moglie:
            < È CHE IL TUO CAVALLO HA CHIAMATO, BASTARDO !! >
 

Donne 29/11/2011                     Maurizio
                " Ridere ringiovanisce! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 La nuova vicina di casa bussa alla mia porta.
        Le apro e rimango senza fiato!
        Sono decisamente sorpreso per la sua straordinaria bellezza.
        Quasi balbettando le dico:
            < Cosa posso fare per te ? >
        Lei mi risponde:
            < Senti, sono appena arrivata in città, ho voglia di divertirmi, ubriacarmi e scopare tutta la notte
               ...Tu sei occupato stasera ? >
        Ed io, senza voce:
            < Certo che NO ! >
        E lei:
            < Allora, per favore, mi tieni il cane fino a domani ? >

 L’altra mattina alle 7.30 hanno suonato alla porta.
        Con un occhio chiuso e uno aperto sono andato ad aprire.
        Era mia suocera, e mi fa:
            < Posso restare qui una settimana ? >
        Subito ho risposto:
            < Certo >
        e ho chiuso la porta.

 Due amiche si confidano al telefono.
        La prima:
            < Finalmente, dopo tre anni che stiamo insieme, Massimo mi ha parlato di matrimonio ! >
        La seconda:
            < Davvero ? E che cosa ti ha detto ? >
        La prima:
            < ...che sua moglie si chiama Angela e che hanno quattro figli. >

 Dopo più di mezzo secolo di vita matrimoniale, lui muore.
        Qualche anno dopo, anche Lei sale in cielo...
        Lì, ritrova suo marito e corre verso di lui gridando:
            < Amoreeeeee, che bello ritrovarti !! >
        Lui secco:
            < Non rompere Monica, il prete era stato chiaro: "Finché morte non vi separi !!" >

 Il marito entra con molta cautela nel letto e sussurra appassionatamente all’orecchio di sua moglie:
            < Sono senza mutande... >
        E la moglie gli risponde:
            < Domani te ne lavo un paio >

 Un signore di 80 anni va a fare il suo controllo annuale dal dottore, che gli chiede come si sente.
        E il vecchio risponde:
            < Non sono mai stato meglio in vita mia.
               Ho appena sposato una ragazza di diciotto anni.
               È già incinta e tra poco sarò padre. Cosa ne pensa ? >
        Il dottore pensa un momento e dice:
            < Le voglio raccontare una storia.
               Ho conosciuto un tale che era un cacciatore accanito.
               Non aveva mai mancato una stagione di caccia.
               Ma un giorno uscì di casa precipitosamente e prese l’ombrello al posto del fucile.
               Quando fu nel bosco, improvvisamente un orso si precipitò verso di lui.
               Prese l’ombrello, lo strinse con forza e lo puntò verso l’orso.
               E sapete cosa successe ?
            < No. > Risponde il vecchio.
        Il dottore continua:
            < L’orso cadde morto davanti a lui ! >
        E il vecchio grida:
            < È impossibile !
               Qualcun altro deve aver sparato al posto suo ! >
        E il medico risponde:
            < È esattamente quello che sto cercando di spiegarle ! >
 

Donne 21/01/2013                     Maurizio
                   " Vita da pendolare! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Dopo una giornata faticosa, una pendolare trova fortunatamente un posto sul treno e chiude
        gli occhi.
        Mentre il treno esce dalla stazione il ragazzo, seduto accanto a lei, tira fuori il suo cellulare e
        comincia a parlare a voce alta:
            < Ciao tesoro. Sono Eric. Sono sul treno, >
            < Si, lo so che sono le sei e mezzo e non le quattro e mezzo, ma ho avuto un lungo incontro. >
            < No, tesoro, non con quella bionda dell’Ufficio Conti. Ma con il mio capo. >
            < No, tesoro, tu sei l’unico amore della mia vita. >
            < Si, sono sicuro... per sempre nel mio cuore... >
        Dieci minuti più tardi sta ancora parlando ad alta voce, e la giovane donna seduta accanto a lui
        ne ha avuto abbastanza.
        Si sporge e dice al telefonino del vicino:
            < Eric, spegni il telefono e torna a letto. >
 

Donne 29/10/2014                     Philippe Seurre
                          " WIFE FROM HELL ! "

       ( WIFE FROM HELL... )

 A police officer pulls over a speeding car.
        The officer says:
            < I clocked you at 80 miles per hour, sir. >
        The driver says:
            < Gee, officer, I had it on cruise control at 60; perhaps your radar gun needs calibrating. >
        Not looking up from her knitting the wife says:
            < Now don’t be silly, dear, you know that this car doesn’t have cruise control. >
        As the officer writes out the ticket, the driver looks over at his wife and growls:
            < Can’t you please keep your mouth shut for once !! ? >
        The wife smiles demurely and says:
            < Well dear you should be thankful your radar detector went off when it did or your speed
               would have been higher. >
        As the officer makes out the second ticket for the illegal radar detector unit, the man glowers
        his wife and says through clenched teeth:
            < Woman, can’t you keep your mouth shut ? >
        The officer frowns and says:
            < And I notice that you’re not wearing your seat belt, sir.  That’s an automatic fine. >
        The driver says:
            < Yeah, well, you see, officer, I had it on, but I took it off when you pulled me over
               so that I could get my license out of my back pocket. >
        The wife says:
            < Now, dear, you know very well that you didn’t have your seat belt on.
               You never wear your seat belt when you’re driving. >
        And as the police officer is writing out the third ticket, the driver turns to his wife and barks:
            < WILL YOU PLEASE SHUT UP ?? >
        The officer looks over at the woman and asks:
            < Does your husband always talk to you this way, Ma’am ? >
        ( I love this part... )
            The wife: < Only when he’s been drinking ! >


        ( TRADUZIONE )

        ( MOGLIE DALL’INFERNO... )

 Un ufficiale di polizia accosta un’auto in corsa.
        L’ufficiale dice:
            < Ti ho cronometrato a 80 miglia all’ora, signore. >
        L’autista dice:
            < Accidenti, agente, l’ho avuto sul controllo automatico della velocità a 60, forse la sua
               pistola radar ha bisogno di una calibrazione. >
        Non alzando lo sguardo dal lavoro a maglia la moglie dice:
            < Ora non essere sciocco, caro, sai che questa macchina non ha il controllo automatico
               della velocità. >
        Mentre l’ufficiale scrive il biglietto della multa, l’autista guarda sua moglie e ringhia:
            < Non puoi per favore tenere la bocca chiusa per una volta !! ? >
        La moglie sorride debolmente e dice:
            < Bene, caro, dovresti essere grato che il tuo rilevatore radar si spenga quando lo fa o
               la tua velocità sarebbe stata più alta. >
        Mentre l’ufficiale estrae il secondo biglietto per il rilevatore di radar illegali, uomo guarda
        l’sua moglie e dice a denti stretti:
            < Donna, non riesci a tenere la bocca chiusa ? >
        L’ufficiale aggrotta le sopracciglia e dice:
            < E ho notato che non indossi la cintura di sicurezza, signore. >
            < È una multa automatica. >
        L’autista dice:
            < Sì, beh, veda, agente, l’avevo indossata, ma l’ho tolta quando mi ha fermato in modo
               da poter estrarre la patente dalla tasca posteriore. >
        La moglie dice:
            < Ora, caro, sai benissimo che non hai indossato la cintura di sicurezza.
               Non indossi mai la cintura di sicurezza durante la guida. >
        E, mentre l’agente di polizia sta scrivendo il terzo biglietto, l’autista si gira verso
        sua moglie e abbaia:
            < VUOI, PER FAVORE, STARE ZITTA ?? >
        L’ufficiale guarda la donna e chiede:
            < Suo marito le parla sempre in questo modo, signora ? >
        ( Adoro questa parte... )
            La moglie: < Solo quando ha bevuto ! >
 

Donne 13/12/2016                     Maurizio
                   " Donne e lavoro! "

       (DONNA... MON AMOUR...)

 Due amici si ritrovano dopo molto tempo, si salutano e parlano delle loro famiglie.
        Dice il primo:
            < Ho preso moglie e ho due figli ma, con i tempi che corrono, è un problema con il lavoro. >
        L’altro dice:
            < Anch’io mi sono fatto una famiglia, ho due figlie e lavorano entrambe. >
            < Che lavoro fanno ? > Chiede l’amico.
            < Una si è laureata e ha trovato subito l’impiego.
               Una invece non ha voluto studiare ma lavora e guadagna bene. >
            < Ma che lavoro fa ? > chiede l’amico.
            < Fa la prostituta > risponde l’altro.
        E l’amico: < ... e ha lavoro ? >
        L’altro:
            < Ne ha tantissimo, tanto e vero che se al fine settimana non l’aiutasse mia moglie,
               non si riposerebbe neppure la domenica... >
 

In Bagno 13/06/2015                     Stefano B. (40° AUC)
                                " Il cartello in bagno... "

        ( ALL’ATTENZIONE DEGLI UTENTI... )

 ( IL CARTELLO IN BAGNO )

        ALL’ATTENZIONE DEGLI UTENTI:

        Prima di utilizzare questo servizio Vi chiediamo di compiere un onesto esame di coscienza:

        - Se siete presuntuosi Vi invitiamo a fare un passo avanti: probabilmente " lui " è molto più
           corto di quanto pensiate.

        - Se siete modesti fate un passo indietro: salvaguarderete così la parete e il coperchio, per la
           gioia di coloro che seguiranno.

        - Se siete molto alti dedicate qualche istante a un attento esame di carattere balistico per essere
           sicuri di " fare canestro " al primo tentativo.
           Dopo sarà troppo tardi...

        - Se siete molto bassi procurateVi uno sgabello: eviterete il fastidio di saltellare spisciacchiando
           a destra e a manca.

        - Se siete strabici sappiate che davanti a Voi c’è un solo water.

        - Se, infine, siete donne prendete orgogliosamente atto di questa Vostra magnifica condizione
           e ricordateVi che siamo accesi fautori della parità dei diritti.
           Tuttavia la nostra, pur modesta, esperienza non ci ha affatto convinti dell’uguaglianza dei sessi.
           Adeguate, per favore, il Vostro comportamento a questa evidenza e rinunciate a farla in piedi.

         GRAZIE PER AVER SCELTO, ANCHE PER QUESTA FUNZIONE, IL NOSTRO LOCALE...
 

In Chiesa 06/05/2010                     Maurizio
                         " La Morale "

       (LA MORALE... ANCHE IN CHIESA...)

 Il parroco di un piccolo paese festeggia il suo 25° anno di sacerdozio.
        Inizia il suo  discorso:
            < Cari compaesani, è molto difficile per un parroco tenere un discorso che non sia di fede.
               Ci sono diversi aneddoti che potrei raccontarvi, ma sapete anche voi che c’è il segreto
               confessionale.
               Voglio solo narrarvi che, quando sono arrivato nella vostra comunità, subito mi sono
               domandato dove fossi finito.
               Infatti, già alla mia prima confessione, arrivò un tizio che mi confessò di aver tradito la
               moglie prima con la cognata, poi con la nipote e di avere trasmesso ad entrambe una
               malattia venerea che si era preso o dalla sua segretaria o forse da un suo amico con cui
               aveva regolarmente dei rapporti essendo egli un bisex.
               Insomma... sposato con regolari rapporti extraconiugali con parenti, segretaria ed amico !!
               Al ché mi sono preoccupato... e mi sono chiesto: se il buongiorno si vede dal mattino,
               chissà il resto della comunità !
               Ma alla fine, in tutti questi anni, ho capito che il vostro paese non è poi così male e che,
               anzi, questa prima confessione alla fine è poi stata la sola eccezione... >
        Il discorso termina con un applauso e tutti si girano intorno per cercare il Sindaco che avrebbe
        dovuto concludere la cerimonia, ma il Sindaco non c’è !
        Aspetta, aspetta, dopo circa 20 minuti ecco che arriva; si scusa per il ritardo dovuto ad altri
        impegni, sale sul podio e inizia il suo  discorso:
            < Ricordo benissimo quando arrivò il nostro parroco poiché proprio quel giorno io ho avuto
               l’onore di essere il primo ad essere confessato... >

        La morale è: MAI ARRIVARE IN RITARDO !
 

Italiano
scorretto
14/04/2008                     Maurizio
                   " L’italiano scorretto "

       (L’ITALIANO SCORRETTO...)

 01 - Mi puoi disinnescare la segreteria telefonica ? (Ordigni moderni...)
        02 - Soffro di vene vorticose. (Sarà un ballerino...)
        03 - Di fronte a queste cose rimango putrefatto ! (Che schifo !)
        04 - In farmacia: Puoi darmi un " una tantum " ? (forse si chiama " tantum verde " ?)
        05 - Quando muoio mi faccio cromare. (Valido !)
        06 - Arriva il treno, hai blaterato il biglietto ? (.....)
        07 - Come faccio a fare tutte queste cose simultaneamente ? Dovrei avere il dono dell’obliquità !
            (la Torre di Pisa...)
        08 - Un’onda anonima ha travolto i surfisti. (e nessuno la sa riconoscere ?)
        09 - Almeno l’italiano... sallo ! (Eh...)
        10 - Basta ! Vi state coagulando contro di me ! (trasfusione ?)
        11 - È nel mio carattere: quando qualcosa non va, io sodomizzo ! (Stategli lontano !)
        12 - Anche l’occhio va dalla sua parte... (Si chiama strabismo...)
        13 - Non so a che santo riavvolgermi. (Una video cassetta devota....)
        14 - Avete i nuovi telefonini GPL ? (No mi spiace solo benzina !)
        15 - Il cadavere presentava evidenti segni di decesso. (Ma va ?! Strano)
        16 - Prima di operarmi mi fanno un’autopsia generale. (Auguri !)
        17 - Vorrei un pacco di cotone idraulico. (Ha una perdita ?)
        18 - Abbiamo mangiato la trota salmonellata. (Ancora auguri !)
        19 - Vorrei un’aspirina in supposte effervescenti. (Quando si dice faccia da culo...)
        20 - Vorrei una maglia con il collo a volpino. (Non era lupetto ?....)
        21 - Devo andare dall’otorinolalinguaiatra. (che dire...)
        22 - Ho visitato il palazzo degli infissi a Firenze. (....si ci sono infissi alla finestre e allora ?)
        23 - Vorrei una pomata per l’Irpef. (Herpes è difficile...)
        24 - Se lo sapevo glielo divo ! (Ovvio...)
        25 - Usare il DDT fa diventare più grande il buco nell’Orzoro. (Addio colazione )
        26 - Tu non sei proprio uno sterco di santo. (Menomale...)
        27 - Tu l’hai letto il fu Mattia Bazar ? (Antonella Ruggero ?)
        28 - È andato a lavorare negli evirati arabi. (Contento lui...)
        29 - Lo scontro ha causato 5 feriti e 10 confusi. (Uno dei confusi sei tu ?)
        30 - A forza di andare di corpo mi sono quasi disintegrata. 
               (O disidratata ? Alla faccia della diarrea !)

        31 - Mia nonna ha il morbo di Pakistan. (...)
        32 - La mia auto ha la marmitta paralitica. (...e al posto dei cavalli ha le sedie a rotelle ?)
        33 - Verrà in ufficio una stragista per il tirocinio. (Si salvi chi può !)
        34 - Sono momentaneamente in stand-bike. (L’attesa in bicicletta....)
        35 - Che lingua si parla in Turchia ? Il turchese. (...è logico)
        36 - Davanti alla sua prepotenza resto illibato. (....si....)
        37 - Scendi il cane che lo piscio. (...guinzagliato però !)
        38 - Da vicino vedo bene, è da lontano che sono lesbica. (Aiuto...)
        39 - C’è una peluria di operai. (Che schifo !)
        40 - È inutile piangere sul latte macchiato. (Meglio farlo su un bel cappuccino...)
        41 - Sono sempre io il cappio espiatorio (L’impiccato )
        42 - Beviamo una Magnum di Kruger. (salute )
        43 - Signora, vorrei 100 grammi di prosciutto senza polistirolo. 
;               (...che faccio un po’ fatica a digerirlo...)

        44 - Mi sono fatta il Leasing al viso. (..pensavo un mutuo...)
 

Sport 03/05/2010                     Remo L. / Giampiero
                              " Solo per i veri sportivi! "

       (ECCO COME SI COMPORTA UN VERO SPORTIVO...)

 Un uomo, con due biglietti di tribuna centrale numerata per la finalissima di Coppa del Mondo,
        entra allo stadio e si accomoda sulla poltrona assegnatagli lasciando libero il posto a fianco.
        Un altro uomo seduto la fila appena sopra, nota il posto vuoto e, così, per fare due chiacchiere
        a pochi minuti dall’inizio della partita, esordisce così:
            < Il posto a fianco a lei, è occupato ? >
        E il primo uomo risponde:
            < No, è libero ! >
        E l’altro:
            < È incredibile !
               Chi è che ha un posto come questo, per l’appuntamento più importante del mondo e
               non lo usa ? >
        L’uomo si gira e guardandolo risponde:
            < Beh, effettivamente il posto è il mio.
               L’ho comperato due anni fa e dovevo venire con mia moglie, ma.... casi della vita,
               lei è mancata !
               Questo è il primo mondiale che non vediamo insieme da quando ci siamo sposati, nel 1980. >
        Sorpreso, il suo vicino risponde:
            < Mi dispiace molto sia capitato tutto questo, è terribile !
               Ma non aveva un’altra persona che potesse accompagnarlo, un amico, un parente,
               un vicino di casa ? >
        L’uomo facendo di no con la testa:
            < Macchè, son voluti andare tutti al funerale... >
 

Terza Età 26/03/2008                     Maurizio
                 " Solo per i più maturi! "

       (TRE AMICI SETTANTENNI SI RITROVANO DOPO TANTO TEMPO...)
       (Quando iniziano a mancare molte forze...)

 Allora cone va ragazzi ?
        Dice il primo:
            < Eh, come volete che vada, ormai siamo dei vecchietti, questa è la verità.
               L’altro giorno avevo preso uno scatolone pesantissimo in mano ed ho dovuto chiamare
               mia moglie ad aiutarmi perché mi stava per cadere.
               LE BRACCIA RAGAZZI, NON HO PIÙ FORZA NELLE BRACCIA !! >
        L’altro dice:
            < Ma figurati, io ho trovato un ragazzotto che mi stava scassinando l’auto
               ed appena ho iniziato ad inseguirlo sono caduto per terra.
               LE GAMBE RAGAZZI, NON HO PIÙ LE MIE VECCHIE GAMBE !! >
        E tu Mario ?
            < Zitti, zitti, non mi fate parlare...
               L’altro giorno in casa ho visto la badante sulla scala,
               l’ho tirata giù e le sono saltato addosso,
               appena ho iniziato a sbottonarmi lei mi fa: >
            < Signor Mario, ma oggi è già la terza volta... >
            < LA MEMORIA RAGAZZI, HO COMPLETAMENTE PERSO LA MEMORIA !! >
 

Viaggi in
Aereo
10/05/2010                     Maurizio
                     " Viaggi in aereo "

       (VIAGGI IN AEREO...)
       (Storiella tratta da un documento Power Point...)

 COS’È IL RAT ?
        Un signore viaggiava in aereo ed aveva un urgente e improrogabile bisogno del bagno che però
        era occupato.  Chiese perciò all’hostes il permesso di utilizzare il bagno delle donne che,
        in quel momento, era libero.
        L’hostes, data l’urgenza, gli diede il permesso ma gli raccomandò di non sporcare e di non toccare i
        quattro pulsanti posti alla destra del water.
        Entrato in bagno, il signore notò che i quattro pulsanti avevano questi nomi:
        pulsante: " SPA ",
        pulsante: " SAA ",
        pulsante: " SBA ",
        e pulsante: " RAT ".
        Il protagonista di questa storia, dopo essersi alleggerito a dovere, sentì crescere in lui un’enorme ed
        irresistibile curiosità sul funzionamento dei quattro pulsanti.
        Premette allora il primo pulsante, quello con la scritta " SPA " (Sistema di Pulitura Automatica).
        Sentì un getto di acqua tiepida sul sedere e sugli attributi e pensò:
            < Questo bagno è una delizia, ora capisco perché le donne ci trascorrono delle ore. >
        Successivamente premette il pulsante con la scritta " SAA " (Sistema di Asciugatura Automatica)
        e subito ci fu un getto d’aria calda diretto sulle medesime parti che prima erano state lavate.
        Non poteva crederci !
        Quando azionò il successivo pulsante, " SBA " (Sistema di Borotalco Automatico), le sue terga
        furono raggiunte dalla soave carezza di una leggerissima spugna impregnata di borotalco
        aromatico.
        Quell’esperienza stava raggiungendo quote di insospettabile piacere.
        E, infine, schiacciò il quarto pulsante " RAT "... e perse ogni nozione.
        Quando si risvegliò non speva né dove fosse, né come vi era giunto, né che ora era.
        Gli si avvicinò un’infermiera molto gentile e gli spiegò che si trovava in un ospedale, dove era
        giunto da due giorni in stato di shock traumatico, ma che erano ormai riusciti a normalizzare i
        suoi parametri vitali.  Ancora scosso lui domandò:
            < L’aereo ha avuto un incidente terribile, non è vero ? >
        E l’infermiera rispose:
            < No signore, l’aereo è atterrato regolarmente a destinazione >
        Sempre più confuso, l’uomo chiese:
            < Allora, cosa è successo ? >
        E l’infermiera:
            < Lei ha schiacciato il pulsante " RAT " (Ritiro Automatico del Tampax) e...
               ...il suo pene lo trova in una scatoletta, sotto il cuscino. >
 

Varie 11/03/2008                     Maurizio
            " Prendetevi una piccola pausa "

       (BARZELLETTE VARIE...)

 Si dice in giro che chi ha gli occhi azzurri è perché ha la testa piena d’acqua...
        Pensa a chi li ha marroni...

 Ligabue canta:
            < Tutti vogliono viaggiare in prima... >
        Io ci ho provato, dopo 1 km ho fuso il motore e ho bruciato la frizione.
            < Grazie Liga !! >

 Si investono sempre più soldi nella ricerca sul viagra e non sul morbo di Alzheimer.
        Fra 20 anni avremo cazzi durissimi ma non ci ricorderemo più dove metterli.

 Se ti capita di andare in giro per la città in bici e ti accorgi di sentirti felice e appagato,
        guarda bene... forse hai dimenticato il sellino...
 

Varie 12/03/2008                     Maurizio
            " Prendetevi una piccola pausa "

       (BARZELLETTE VARIE... ANCHE QUESTE SONO CARINE...)

 Dracula chiede a Dio:
            < Potrei essere reincarnato in un angelo bianco con ali e continuare a succhiare sangue ? >
        Dio rispose:
            < No problem ! >
        e lo trasformò in un assorbente...

 Se fossi un pittore ti dipingerei.
        Se fossi un vasaio ti modellerei.
        Se fossi un poeta ti loderei.
        Ma sono un trombettiere, modestamente...

 In un incontro particolare...
        Un ragazzo chiede ad un altro coetaneo:
            < Ciao, tu come ti chiami ? >
        E l’altro:
            < Lu lu lu lu Luigi. >
        Il primo, un po’ sorpreso, chiede:
            < Sei balbuziente ? >
        L’altro risponde:
            < No, lo era mio padre, e all’anagrafe c’era un bastardo... >

 Lo sai come è morto Capitan Uncino ?
        Si è fatto il bidè con la mano sbagliata...

 In spiaggia un bagnino sta mangiando un panino gigante.
        Gli si avvicina un bambino albanese e gli dice:
            < Io sono 3 giorni che non mangio ! >
        Ed il bagnino:
            < Ok, puoi fare il bagno ! >
 



Indietro Indietro  |  A inizio testo A inizio testo  |  A menu racconti A menu racconti

Aggiornamento: 26/06/2020
Aggiornamenti successivi: 06/07/2020 - 12/07/2020